In-store execution Tip #1: Evitare gli out-of-stock dialogando con il retail

Dai dati degli store check si rileva che in alcuni punti di vendita la percentuale di prodotti in rottura di stock arriva fino al 10% delle referenze totali: un problema significativo quando si attiva un’iniziativa promozionale in-store. 
 
In molti casi si tratta di situazioni in cui il retailer trae il proprio vantaggio dalla vendita dello spazio espositivo più che dei prodotti stessi, e viene quindi meno l’incentivo a mantenere la piena disponibilità e il completo assortimento a scaffale, oppure di casi in cui l’esecuzione della strategia del brand sul punto di vendita viene demandata completamente al retailer senza linee guida sufficientemente chiare e coinvolgenti. 
 
Instaurare con il retail un rapporto di collaborazione è la chiave per risolvere positivamente queste situazioni: per veicolare ai punti di vendita informazioni chiare e corrette riguardo alle iniziative promozionali e alle necessità espositive del brand, e in secondo luogo per poterli  coinvolgere in un dialogo continuativo che assicuri un reciproco vantaggio che si traduce in una migliore esperienza per lo shopper in-store e quindi in un incremento del sell-out
 
Poter contare su personale specializzato, in grado di rappresentare il brand nel rapporto con le catene e con i singoli punti di vendita può essere l’arma vincente. 
Infatti retail account manager ed extended sales force sono spesso in grado di negoziare gli accordi migliori nelle relazioni B2B, garantendo a livello strategico che ciò che accade sul punto di vendita sia in linea con le aspettative del brand, mentre merchandiser e visual merchandiser si occupano di assicurare una perfetta in-store execution con un intervento tattico e mirato. 
 
Contattaci subito per capire come migliorare l’impatto del tuo brand sul canale. 

Accesso rapido

IN STORE
OUT OF STORE
ON LINE
SPECIALS